Web Design

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Logo Design

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Web Development

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

White Labeling

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

VIEW ALL SERVICES 

Indennità per riposi giornalieri allattamento per madri e padri dipendenti

I “riposi per allattamento” sono permessi orari retribuiti e riconosciuti per la cura del bambino, per il primo anno di vita o (in caso di adozione o affidamento) di ingresso in famiglia

L’INPS mette a disposizione di genitori lavoratrici e lavoratori dipendenti un’indennità atta ad ammortizzare le ore di permesso richieste per l’accudimento dei figli nel loro primo anno di vita.

I genitori hanno diritto a:

  • due ore al giorno di riposo, se l’orario di lavoro è di almeno sei ore giornaliere;
  • un’ora al giorno, se l’orario è inferiore a sei.

Le ore possono aumentare in caso di parto gemellare o in caso di adozione/affidamento multiplo. Diminuiscono se si usufruisce di un nido nelle vicinanze del luogo di lavoro.

 

Scegli i tuoi argomenti
A chi è rivolto

L’indennità è rivolta a lavoratrici e lavoratori dipendenti.

Requisiti per accedere

Imprescindibile è il rapporto di lavoro come dipendente.

Perché la madre possa accedere all’indennità non deve essere in astensione obbligatoria o facoltativa, o assente dal lavoro o in aspettativa.

Il padre può accedere nel caso in cui la madre rinunci al diritto per scelta o perché impossibilitata ad accedervi per le casistiche di cui sopra, o perché in maternità.

Valore del contributo

L’indennità corrisponde alla retribuzione.

Quando fare domanda

La domanda va presentata prima dell’inizio del periodo di riposo giornaliero richiesto.

Come fare domanda

La domanda va presentata al datore di lavoro.

Se previsto dalla categoria lavorativa o in caso di cassa integrazione, la domanda va anche inoltrata all’INPS tramite pagina web dedicata, Contact center o patronato.