Web Design

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Logo Design

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Web Development

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

White Labeling

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

VIEW ALL SERVICES 

Credito d’imposta per l’attività fisica adattata (Afa)

Agevolazione fiscale per le spese sostenute nel corso del 2022

 

Il credito d’imposta per l’attività fisica adattata (Afa) è un’agevolazione introdotta con la legge di Bilancio 2022.

Permette di diminuire le imposte dovute allo Stato quando si presenta la dichiarazione dei redditi e viene calcolato sulla base delle spese documentate sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022 per lo svolgimento di attività fisica adattata prescritta.

Per ottenerlo è necessario presentare preventivamente una domanda all’Agenzia delle entrate.

cos'è - facoltativo
A chi è rivolto

L’agevolazione è rivolta a persone alle quali siano stati prescritti esercizi fisici per situazioni specifiche, come patologie croniche o disabilità fisiche, svolti, anche in gruppo, sotto la supervisione di un professionista competente e in luoghi e strutture non sanitarie (come le “palestre della salute”), con lo scopo di migliorare il livello di attività fisica, il benessere e la qualità della vita delle persone.

Requisiti per accedere

Per ottenere il credito d’imposta per le spese sostenute è necessario essere in possesso di:

  • prescrizione medica;
  • documentazione delle spese (scontrini e ricevute).
Valore del contributo

L’Agenzia delle Entrate renderà nota la percentuale del credito d’imposta spettante in un secondo momento.

Sarà utilizzabile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2022, in diminuzione delle imposte dovute.

L’eventuale ammontare non utilizzato potrà essere fruito negli anni successivi.

Quando fare domanda

La domanda va inviata dal 15 febbraio 2023 al 15 marzo 2023.

Come fare domanda

La domanda va presentata dal contribuente o tramite un intermediario, attraverso il servizio web disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.

Dopo la presentazione della richiesta viene rilasciata una ricevuta che ne attesta la presa in carico (o lo scarto con le relative motivazioni).

Per saperne di più