Web Design

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Logo Design

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Web Development

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

White Labeling

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

VIEW ALL SERVICES 

Bonus facciate

Detrazione del 90% per spese sostenute per restauro e recupero della facciata esterna di immobili

E’ prevista una detrazione d’imposta del 90% per le spese, sostenute nel 2020 e nel 2021, per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali.

Gli edifici devono trovarsi nelle zone A e B, o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali.

 

Scegli i tuoi argomenti
Requisiti per accedere

Le spese sostenute devono essere documentate ed effettuate tramite bonifico bancario o postale.

Non sono previsti limiti massimi di spesa, né un limite massimo di detrazione.

Valore del contributo

La detrazione è riconosciuta nella misura del 90% e va ripartita in 10 quote annuali costanti e di pari importo.

Come detrarre

E’ necessario presentare ogni anno la dichiarazione dei redditi, tramite dichiarazione precompilata sul sito dell’Agenzia delle Entrate o rivolgendosi a un CAF (Centro di Assistenza Fiscale) o a un professionista abilitato a prestare assistenza, esibendo i documenti conservati relativi alle spese sostenute l’anno precedente.

Quando detrarre

E’ necessario presentare la dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2020 entro il 30 settembre 2021.

Terminologia utile
Per saperne di più

Per approfondire clicca: Bonus facciate

Domande frequenti

Cosa si intende per zona A e B?

La zona A include le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessi.


La zona B, invece, include le altre parti del territorio edificate, anche solo in parte, considerando tali le zone in cui la superficie coperta degli edifici esistenti non è inferiore al 12,5% della superficie fondiaria della zona e nelle quali la densità territoriale è superiore a 1,5 mc/mq.