Seleziona una pagina

Assegno Unico

Misure rivolte a famiglie per sostenere la genitorialità e favorire la natalità 

Da gennaio 2022 sarà possibile richiedere l’Assegno Unico, una misura a sostegno delle famiglie che si riceverà per ogni figlio a carico dal settimo mese di gravidanza fino al compimento dei 21 anni, tale limite di età non verrà considerato per i figli con disabilità.

Attualmente non sono ancora state stabilite tutte le regole relative agli importi spettanti e alla domanda da presentare; sarà possibile conoscere queste informazioni nei prossimi mesi. 

In attesa che le novità entrino definitivamente in vigore, sono state previste delle agevolazioni di sostegno temporanee rivolte a famiglie con figli minori attive da luglio a dicembre 2021. 

Le misure previste sono due: una destinata a genitori lavoratori dipendenti che attualmente percepiscono gli Assegni al Nucleo Familiare che prevede un aumento degli assegni stessi; l’altra consiste in un assegno temporaneo per genitori lavoratori autonomi e disoccupati o dipendenti che non ricevono gli Assegni al Nucleo Familiare. 

Aumento Assegni al Nucleo Familiare per genitori lavoratori dipendenti

Scegli i tuoi argomenti
A chi è rivolto

La maggiorazione dell’Assegno al Nucleo Familiare è destinato a tutti i genitori lavoratori dipendenti che attualmente percepiscono gli Assegni al Nucleo Familiare.

Valore del contributo

Nel caso di genitore dipendente che attualmente percepisce gli Assegni al Nucleo Familiare si riceverà un aumento dell’ Assegno stesso di:

euro 37,50 per ciascun figlio per i nuclei fino a due figli,

euro 55,00 per ciascun figlio per i nuclei con almeno tre figli.

Quando fare domanda

Il lavoratore deve presentare domanda di Assegno al Nucleo Familiare dal primo luglio 2021.

Dopo la presentazione della domanda si riceverà l’ Assegno direttamente in busta paga da luglio a dicembre 2021, comprensivo dell’aumento previsto per ogni figlio.

Come fare domanda

Il lavoratore deve presentare domanda per Assegno al Nucleo Familiare all’INPS attraverso il servizio online dedicato oppure tramite i servizi telematici offerti dagli enti di patronato.

Terminologia utile
Per saperne di più

Per approfondire clicca: Aumento Assegni al Nucleo Familiare 

Assegno Temporaneo (Assegno Ponte) per genitori lavoratori autonomi, disoccupati o dipendenti che non hanno diritto agli Assegni per il Nucleo Familiare

Scegli i tuoi argomenti
A chi è rivolto

L’assegno è destinato a genitori di figli minori a carico, compresi i figli minori con disabilità.

L’Assegno Temporaneo è rivolto ai genitori disoccupati e lavoratori autonomi che attualmente non hanno diritto a ricevere gli Assegni al Nucleo Familiare.

Inoltre possono ottenere l’Assegno Temporaneo anche i genitori entrambi dipendenti che non hanno diritto agli Assegni per il Nucleo Familiare, se rispettano i requisiti richiesti.

Requisiti per accedere

Per accedere è necessario:

– essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;


– essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;


– essere residente e domiciliato in Italia con i figli a carico sino al compimento del diciottesimo anno d’età;


essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale;


– essere in possesso di ISEE inferiore a 50.000 euro.

Valore del contributo

L‘importo mensile varierà in base all’ISEE; verrà corrisposto da un minimo di 30 euro mensili per ogni figlio, a un massimo di 167,50 euro.

Nel caso di più di due figli l’importo viene maggiorato del 30% per ciascun figlio, mentre nel caso di figli con disabilità l’importo viene maggiorato di 50,00 euro.

Quando fare domanda

E’ possibile presentare domanda dal primo luglio fino a dicembre 2021.

Se la domanda viene presentata entro il 30 settembre 2021 saranno corrisposte le mensilità arretrare dal mese di luglio, se presentata dal 30 settembre 2021 in poi la decorrenza della misura corrisponderà al mese di presentazione della domanda.

Come fare domanda

E’ possibile presentare domanda online all’INPS attraverso il servizio dedicato, oppure tramite contact center o enti di patronato

Terminologia utile
Per saperne di più

Per approfondire clicca: Assegno Temporaneo (Assegno Ponte)

Domande frequenti

Come si riceverà il contributo mensile dell’Assegno Temporaneo?

L’erogazione dell’assegno previsto da luglio a dicembre 2021, avviene mediante accredito su IBAN dei genitori.