Seleziona una pagina

Assegno al nucleo familiare dei comuni

Assegno concesso dai comuni per famiglie con figli minori

È un assegno, concesso in via esclusiva dai comuni e pagato dall’INPS, rivolto alle famiglie che hanno figli minori e che dispongono di patrimoni e redditi limitati.

Scegli i tuoi argomenti
A chi è rivolto

L’assegno al nucleo familiare dei comuni spetta a:

– nuclei familiari residenti, composti da cittadini italiani e dell’Unione europea;

– nuclei familiari composti da cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo;

– nuclei familiari composti almeno da un genitore e tre figli minori che siano figli del richiedente, del coniuge o ricevuti in affido preadottivo;

– nuclei familiari con risorse reddituali e patrimoniali inferiori a quelle previste dall’indicatore della situazione economica equivalente ( ISEE) valido per l’assegno;

– cittadini stranieri titolari dello status di rifugiato e di protezione sussidiaria;

– cittadini extracomunitari soggiornanti di lungo periodo.

Requisiti per accedere

Il nucleo familiare deve essere composto almeno da un genitore e tre figli minori (appartenenti alla stessa famiglia anagrafica), che siano figli del richiedente o del coniuge o da essi ricevuti in affidamento preadottivo.

Inoltre il nucleo familiare non deve disporre di risorse reddituali e patrimoniali superiori a quelle previste dall’ ISEE.

Valore del contributo

L’importo dell’assegno è annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Quando fare domanda

La domanda va presentata entro il termine del 31 gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’Assegno al Nucleo Familiare (ANF).

Come fare domanda

La domanda va presentata al comune allegando una dichiarazione sostitutiva unica ( DSU) in corso di validità relativa alla situazione economica del nucleo familiare.

Per saperne di più

Per approfondire clicca: Assegno al nucleo familiare dei comuni